mercoledì, Aprile 17, 2024

Voto in condotta, come cambia la scuola con il ddl Valditara

Scatterà la bocciatura. Torna giudizio sintetico a...

Delegazione italiana al Comitato europeo delle Regioni

“Regioni, Province e Comuni devono essere a...

Giubileo, Gualtieri a p.za Pia: sarà pronta per l’8 dicembre 2024

“Superata la fase più complessa, ultimato 40%...

#G7, a Capri maltempo, controlli serrati e zone off limits

Oltre mille esponenti delle forze dell’ordine in...

A Positano si premia la danza, antidoto di persecuzioni e guerra

VideonewsA Positano si premia la danza, antidoto di persecuzioni e guerra

Valente: Diop e Archer, talenti che hanno superato ogni barriera

Positano (Salerno), 4 set. (askanews) – “Il premio Léonide Massine per l’arte della danza, che quest’anno è giunto alla sua cinquantunesima edizione, ha tagliato il giro di boa dei 50 anni, rappresenta da sempre il riconoscimento più antico del mondo nel suo genere, ispirato e dedicato a due grandissimi artisti russi, uno è Massine e l’altro è Rudolf Nurejev”.Così Laura Valente ad askanews. Sotto la sua direzione artistica il premio ancora una volta ha incoronato i più grandi talenti del balletto sul prestigioso palco della spiaggia grande di Positano, il cui comune organizza e finanzia interamente l’evento.Premio alla carriera “Una Vita per la Danza” all’étoile internazionale Luciana Savignano, già “musa” di Maurice Béjart. Ma quest’anno il premio ha cambiato pelle, con i direttori delle più importanti compagnie del mondo (dall’American Ballet all’Opera di Parigi) a decidere il palmares.”Con una particolare dedizione e vocazione ai talenti che ce l’hanno fatta a superare ogni barriera e pregiudizio. Tra i tanti premiati, ne voglio citare due. Uno è Guillaume Diop, giovanissimo 22enne, di origini senegalesi. Viene dalla periferia di Parigi, fa audizioni da autodidatta, a 19 entra all’Opéra de Paris: è la prima étoile nera nella storia di questa prestigiosa istituzione. L’altro è Clyde Emmanuel Archer, periferia di Brooklyn, un artista che ha fatto del movimento del suo corpo un atto politico, dove rivendica il diritto di tutti a esistere”, afferma.Per quanto riguarda lo storico gemellaggio con il Prix Benois del Bolshoj/Mosca, a Positano si è deciso di sospendere l’interlocuzione istituzionale, ma anche qui senza discriminare nessuno o rinunciare alla grande tradizione. Anzi, dice Valente, sono i talenti del balletto russo il migliore antidoto alla propaganda e alla guerra. Ma è necessario prendere una posizione.”L’adesione a un’idea di danza che non contempli persecuzione e guerra”, aggiunge.Tra i premiati c’è anche Anastasia Hurska del Balletto dell’Opera Nazionale d’Ucraina, fuggita dal suo teatro distrutto dai bombardamenti e accolta in Europa.Intervista di Cristina Giuliano Montaggio Linda Verzani Immagini askanews, Premio Positano Léonide Massine per l’Arte della Danza (riprese del Premio di Sergio Scoppetta), Internet

Check out our other content

Check out other tags:

Most Popular Articles