mercoledì, Febbraio 21, 2024

Fvg, Roberti: Van Gogh rende Friuli attrattivo a livello internazionale

Al Museo Revoltella di Trieste e visitabile...

Il McDonald’s di Cinisello Balsamo contro la violenza sulle donne

Presentata l’iniziativa “Non sei sola, lasciati aiutare” Milano,...

Sardegna, Schlein: Meloni sa che per 5 anni hanno fatto disastri

“Non può rivendicare risultati. Ma sardi non...

Allerta biodiversità, uccelli zone agricole -50% in Pianura padana

AttualitàAllerta biodiversità, uccelli zone agricole -50% in Pianura padana

Lipu: un errore tagliare le misure del Green Deal

Roma, 12 feb. (askanews) – In calo del 36% la presenza degli uccelli nel complesso degli ambienti agricoli in Italia, con punte di -50% in Pianura Padana. Sono ancora peggiori dell’anno precedente i nuovi dati 2023 sulla presenza di uccelli nelle zone agricole, “a conferma che il Green Deal e la transizione ecologica devono proseguire senza indugi e anzi rafforzarsi, sapendo conciliare le esigenze della produzione agricola con l’indispensabile tutela della biodiversità”. Lo dichiara la Lipu rendendo noti i risultati del 2023 del suo studio sul Farmland Bird Index, ossia l’indicatore che descrive l’andamento delle popolazioni degli uccelli comuni delle aree agricole. L’indice è calcolato dalla Lipu su incarico del ministero dell’Agricoltura, della Sovranità alimentare e delle foreste, nell’ambito della Rete rurale nazionale.

Se le popolazioni degli uccelli agricoli sono diminuite del 36% dal 2000 al 2023, e se nelle aree di maggiore pressione dell’agricoltura intensiva e di urbanizzazione, ossia in pianura, la metà degli uccelli è andata persa (-50%), “allora urge l’approvazione di quelle norme europee che possono ridare spazio alla biodiversità prevedendo il ripristino di ambienti andati distrutti (elementi del paesaggio, zone umide di pianura) e un rafforzamento della PAC in difesa dell’ambiente, ripristinando per esempio l’opzione del 4% dei terreni da lasciare incolti, troppo frettolosamente posticipata”, spiega la Lipu.

“I dati del nuovo FBI sono drammatici – spiega Federica Luoni, responsabile Agricoltura della Lipu – con 20 delle 28 specie prese in esame, ossia oltre il 70% del totale delle specie, con indici di popolazione in declino significativo. Si tratta, tuttavia, di numeri purtroppo attesi, poiché nessuna delle politiche e delle misure che avevano lo scopo di invertire la tendenza è stata messa in atto”.

L’agricoltura intensiva degli ultimi decenni, secondo i dati FBI, ha portato al crollo di specie in passato molto presenti, come la rondine (-51%), l’allodola (-54%) o la passera d’Italia (-64%), più che dimezzate, e la quasi scomparsa di specie come l’averla piccola (-72%), il saltimpalo (-73%), il torcicollo (-78%), il calandro (-78%).

Check out our other content

Check out other tags:

Most Popular Articles