venerdì, Dicembre 1, 2023

Cop28, Geologi italiani a Dubai: agire per sostenibilità

“Guardare al futuro” Roma, 30 nov. (askanews) –...

Nucleare, Morelli: ripartire con norme. Ci sarà modello italiano

Sottosegretario dopo riunione Cipess che ha rifinanziato...

Monopoli, accoltellata da ex marito: tagli nell’80% del corpo

A La Vita in Diretta parla Dory Roma,...

Il 19 novembre il “Mercato della Terra” di Slow Food arriva a Todi

AttualitàIl 19 novembre il "Mercato della Terra" di Slow Food arriva a Todi

Appuntamento ogni terza domenica del mese in piazza del Popolo

Milano, 18 nov. (askanews) – Domenica 19 novembre sotto i portici della bellissima piazza del Popolo di Todi (Perugia) si inaugura il “Mercato della Terra Transameria”, che porta complessivamente a cinquanta i “Mercati della Terra” di Slow Food in Italia.

Le aziende coinvolte in questa prima edizione del mercato sono 11. “Insieme con la presidente regionale e ai fiduciari della Condotta Slow Food Media Valle del Tevere, abbiamo selezionato le aziende che, nel raggio di pochi chilometri da Todi, rappresentano la filosofia di Slow Food, ponendo attenzione alle materie prime e ai metodi di produzione” ha spiegato Claudia Ramaglioni, portavoce del Mercato della Terra Transameria Todi.

Il mercato, che si apre alle 9.30, si svolgerà ogni terza domenica del mese, e tra i banchi sarà possibile acquistare la fava cottòra dell’Amerino Presidio Slow Food, la ricotta salata della Valnerina, anch’essa Presidio Slow Food, e molti altri prodotti, tra cui legumi, formaggi, salumi, passate e salse di pomodoro, ortaggi sott’olio, uova, pani e farine, vino, miele, noci, zafferano. Al mercato partecipa anche la cooperativa di pescatori del lago Trasimeno, al momento con prodotti ittici conservati. “Ma per i prossimi mesi – ha anticipato Ramaglioni stiamo pensando di allestire un food truck con il pesce fritto”.

Il Mercato si svolge grazie anche alla collaborazione del Comune di Todi, con cui a ottobre Slow Food ha siglato un protocollo d’intesa che ha l’obiettivo di migliorare la qualità della vita urbana della città. “Todi Slow Life”, questo il nome del progetto, intende incidere su diversi aspetti delle politiche alimentari: oltre all’attivazione del mercato contadino, l’intenzione è di coinvolgere le scuole nel progetto “Orti Slow Food”, di mettere a punto percorsi di formazione per ristoratori e cuochi e di sviluppare il settore dell’accoglienza turistica legata all’enogastronomia e alla cultura del cibo.

La Transameria, a cui si ispira il Mercato della Terra di Todi, è il nome di uno degli itinerari di Slow Food Travel, i percorsi disegnati dall’associazione della Chiocciola per viaggiare lentamente, attraverso saperi e sapori locali. Nel caso della Transameria, la proposta turistica attraversa l’Umbria meridionale, tra Todi e Amelia, passando per Avigliano Umbro e Montecastrilli, lambendo il Tevere e i monti Amerini.

“L’edizione successiva del Mercato della Terra, il secondo in Umbria dopo quello di Umbertide, sarà il 17 dicembre e già in quell’occasione, probabilmente, organizzeremo un’attività nella sala vetrata comunale adiacente al mercato” ha annunciato Ramaglioni, concludendo “ci stiamo attrezzando per degustazioni a tema e incontri con produttori ed esperti: un modo coinvolgente per raccontare la stagionalità del cibo che mangiamo”.

Check out our other content

Check out other tags:

Most Popular Articles