sabato, Aprile 13, 2024

Mastella: “Mi ha associato a mafia, querelo Calenda. E’ pariolino viziato”

Dall'Italia e dal MondoMastella: “Mi ha associato a mafia, querelo Calenda. E’ pariolino viziato”

(Adnkronos) – “Ho dato mandato di querelare Carlo Calenda. Questo pariolino viziato che gioca a fare il bulletto mediatico non può permettersi di associare il mio nome e la mia storia politica alla mafia. Mentre lui giocava a fare il figlio di mammà, io ho combattuto senza sconti la criminalità organizzata, da ministro della Giustizia. Calenda non capisce nulla di politica, ma non pensavo fosse pure un maestro di maleducato e diffamante dileggio. Ci vedremo in tribunale”. Lo scrive in una nota il sindaco di Benevento, Clemente Mastella, dopo il post di oggi pubblicato da Calenda sulla composizione delle liste di Matteo Renzi con Emma Bonino. Per il leader di Azione, si legge su Twitter, “non ha alcun senso portarsi dietro, sia pure per interposta persona, Cuffaro, Cesaro e Mastella. La cultura della mafia è l’opposto dei valori europei”. 

“Se Calenda studiasse al posto di fare l’odiatore social, saprebbe che da cattolico sono stato fautore e diretto protagonista di storiche battaglie care alla cultura radicale. Recependo la lezione di Giovanni Paolo II, sono stato da Guardasigilli il promotore dell’ultimo indulto che sia stato portato a termine in Italia”, continua nella nota Mastella. “Lo annunciai a Regina Coeli il 2 giugno del 2006, nel carcere dove anche De Gasperi era stato recluso, con accanto la figlia Maria Romana, per sottolineare la connessione tra laicità solidale e cattolicesimo caritatevole. E alla condizione delle carceri io e mia moglie abbiamo sempre dedicato attenzione ed energie, come sempre hanno fatto in verità i Radicali”.  

Il sindaco di Benevento incalza: “Renzi ha miracolato il pariolino con cariche importanti come quella di ambasciatore e ministro sottraendolo dall’anonimato cui era destinato. Calenda ha ripagato Renzi con perfidia e ingratitudine. Per me resta il ragazzotto cui affidavo le mie segnalazioni per il Cis di Nola: disse che mi avrebbe querelato ma non lo fece, perché è la verità. Stavolta non basterà l’intercessione di un avvocato comune amico che mi chiese con insistenza di ritirare la querela, ho il dovere di portarla avanti e non arretrerò di un millimetro per rispetto alla mia famiglia, alla mia etica e ai miei elettori”, conclude Mastella. “Se ha il coraggio rinunciasse all’immunità parlamentare”. 

“È del tutto evidente che Il riferimento alla cultura mafiosa è fatto nei confronti della condanna di Totò Cuffaro. In questo senso non ci sono dubbi come riportato nelle motivazioni della sentenza della corte di Cassazione, dove i giudici dichiaravano provato, scrivono, ‘l’accordo politico-mafioso tra il capo mandamento Giuseppe Guttadauro e l’uomo politico Salvatore Cuffaro, e la consapevolezza di quest’ultimo di agevolare l’associazione mafiosa, inserendo nella lista elettorale per le elezioni siciliane del 2001 persone gradite ai boss e rivelando, in più occasioni, a personaggi mafiosi l’esistenza di indagini in corso nei loro confronti’. Per quanto riguarda Mastella, certamente un politico molto distante dai valori di Azione, mai lo si è definito mafioso”. Così fonti di Azione. 

“La velina anonima, privata di qualsiasi firma, con cui da Azione fanno trapelare una correzione del tiro, non esime Carlo Calenda dalle sue responsabilità. Da vecchio professore di storia e filosofia conosco la consecutio temporum e nelle frasi di Calenda c’era un’associazione evidente tra la cultura mafiosa e il mio nome. Reitero a Calenda la richiesta di rinunciare per questa vicenda al salvagente dell’immunità parlamentare. Una persona perbene avrebbe firmato la nota e ha chiesto scusa, cosa che non ha fatto. La querela resta in piedi”, la replica alle fonti di Azione del sindaco di Benevento. 

 

Check out our other content

Check out other tags:

Most Popular Articles