mercoledì, Aprile 17, 2024

Da Vinitaly un’iniezione di fiducia per l’intero settore del vino

Malgrado il momento complesso, espositori, operatori e...

Mattarella plaude ad accordo Ue migranti, ora “scelte su competitività”

Capo dello Stato a Sofia esprime preoccupazione...

Voto in condotta, come cambia la scuola con il ddl Valditara

Scatterà la bocciatura. Torna giudizio sintetico a...

Delegazione italiana al Comitato europeo delle Regioni

“Regioni, Province e Comuni devono essere a...

Missione Euclid, Suetta (Leonardo): a bordo con tre sottosistemi

VideonewsMissione Euclid, Suetta (Leonardo): a bordo con tre sottosistemi

Il contributo alla missione Esa in partenza da Cape Canaveral

Roma, 1 lug. (askanews) – “Il contributo di Leonardo alla missione Euclid è fatto di tre sottosistemi. Uno è il sensore di guida fine, un sensore speciale che si ispira ai sensori di assetto che è inserito nel piano focale del telescopio di Euclid ed è quello che permette il puntamento ultra-fine, ultra-preciso del telescopio nella direzione di osservazione astronomica. Il secondo sottosistema è il sistema di micropropulsione, si tratta di micro-razzi che danno una spinta molto piccola e non hanno lo scopo di dare assetto al satellite ma di dargli, insieme alle misure del sensore di guida fine, il puntamento fine. Il terzo sottosistema è quello dei pannelli solari, abbiamo costruito i pannelli fotovoltaici che danno l’elettricità e la potenza di bordo al satellite, sia agli strumenti che alla strumentazione di piattaforma”. Così ad askanews Enrico Suetta, Responsabile Ricerca e Sviluppo Spazio e Optronica di Leonardo sul contributo dell’azienda alla missione dell’Esa Euclid il cui lancio è programmato per oggi dalla base di Cape Canaveral in Florida con un razzo Falcon 9, e che ha l’obiettivo di indagare la natura della materia oscura e dell’energia oscura che permeano l’Universo.

Check out our other content

Check out other tags:

Most Popular Articles