lunedì, Dicembre 4, 2023

Uncem: serve 1 miliardo l’anno in più per le montagne italiane

“Non accettiamo un dimezzamento del fondo nazionale...

Andrea Savorani Neri, la fotografia come “esperienza”

Intervista sulla rivista tedesca “The game magazine” Roma,...

Bussone (Uncem): diamo forza alle Green Communities, territori veri

“Vengano finanziate tutte le 190 Green Communities” Roma,...

Proteste a Tokyo contro il rilascio delle acque reflue di Fukushima

VideonewsProteste a Tokyo contro il rilascio delle acque reflue di Fukushima

Il piano del governo ha ottenuto il via libera dell’Aiea

Roma, 10 lug. (askanews) – Migliaia di manifestanti si sono riuniti a Tokyo, davanti all’ufficio del primo ministro Fumio Kishida, per manifestare contro il piano del Giappone di rilasciare in mare le acque reflue della centrale nucleare di Fukushima. Il rilascio, secondo i piani del governo, inizierà entro la fine dell’estate.Oltre un milione di metri cubi d’acqua di falda, acqua piovana e acqua utilizzata per il raffreddamento si sono accumulati nella centrale nucleare, dove diversi reattori sono entrati in fusione dopo il più grave incidente atomico della storia dopo Chernobyl, nel 2011. Ma Tokyo ha ottenuto il via libera dell’Agenzia internazionale per l’energia atomica (Aiea) per un’operazione senza precedenti per le dimensioni che sta preoccupando, oltre ai giapponesi, anche la Cina e altri paesi vicini che temono rischi per la salute, l’agricoltura e la pesca, base dell’economia locale.”Rilasciare in mare le acque reflue della centrale nucleare è inimmaginabile – dice un uomo – voglio fermarlo a tutti i costi, ecco perché partecipo a questa manifestazione come cittadino”.”Il rapporto dell’Aiea è davvero ambiguo e credo che l’acqua sia ancora lontana dall’essere sicura – commenta una donna – anche le autorità giapponesi per la sicurezza nucleare dicono che corrisponde agli standard di sicurezza, ma questo non significa che sia sicura”.Il Giappone da mesi cerca di rassicurare l’opinione pubblica in patria e all’estero, con visite guidate all’impianto ed esperimenti in diretta streaming che mostrano la vita marina nell’acqua trattata, ma le proteste continuano.

Check out our other content

Check out other tags:

Most Popular Articles