giovedì, 4 Luglio , 24

Elezioni Regno Unito, trionfo Laburisti: Starmer stravince

(Adnkronos) - Trionfo dei Laburisti nelle...

Dimentica il freno a mano, auto finisce dentro la casa del vicino

(Adnkronos) - Non aveva parcheggiato l'auto...

Euro 2024, Demiral squalificato 2 partite per gesto lupi grigi

(Adnkronos) - La Uefa ha squalificato...

SuperEnalotto, numeri combinazione vincente 4 luglio

(Adnkronos) - Nessun '6' al concorso...

Smog, a Roma “Apnea Against Pollution” con campionessa Zecchini

AttualitàSmog, a Roma "Apnea Against Pollution" con campionessa Zecchini

L’iniziativa di Legambiente per misure concrete contro inquinamento
Roma, 23 mag. (askanews) – Legambiente, nel cuore di Roma, torna a porre l’attenzione sulla qualità dell’aria nelle città italiane grazie all’evocativa e suggestiva installazione “Apnea Against Pollution” ideata in collaborazione con le agenzie del Gruppo Publicis Leo Burnett e MSL, giunta dopo Milano alla sua seconda tappa italiana. Roma, con il suggestivo sfondo del Colosseo, il luogo scelto per l’installazione e la performance della primatista mondiale romana Alessia Zecchini che ha trattenuto il respiro per 4 minuti e 50 secondi per lanciare un messaggio chiaro. Un gesto forte alla presenza di migliaia di turisti e romani, per sensibilizzare politica e cittadinanza, chiedendo azioni concrete di contrasto allo smog in una città dove la più alta concentrazione di smog registrata all’inizio del 2024 è stata 2.5 volte superiore alla soglia di sicurezza raccomandata dall’Organizzazione Mondiale della Sanità. Ad assistere alla performance della campionessa, c’era anche Sabrina Alfonsi assessore all’Ambiente di Roma Capitale.
“Per migliorare la qualità ambientale nella Capitale la soluzione non è smettere di respirare, ma smettere di inquinare. Non possiamo tappare il naso in un cubo di smog che ci imprigiona – commentano Stefano Ciafani e Roberto Scacchi rispettivamente presidente nazionale e regionale di Legambiente -, vogliamo tornare a respirare aria pulita, senza biossido di azoto e polveri sottili e lo diciamo con forza, grazie a questa iniziativa dal forte impatto e grazie ad Alessia Zecchini con la sua performance e la sensibilità sul tema. C’è bisogno di interventi risoluti e siamo qui per ribadirlo: partendo dal potenziamento del trasporto pubblico su ferro, il TRM e le reti ciclo-pedonali; passando per l’elettrificazione di tutti i veicoli pubblici, la generazione di energia sostenibile e l’aumento e rafforzamento del patrimonio naturale e, soprattutto, la riduzione drastica dello spropositato numero di auto sulle nostre strade, la realizzazione di low e zero emission zone, Fascia Verde, Congestion Charge… È questo che serve alla Capitale e ben vengano i progetti dell’amministrazione in tal senso, per raggiungere veramente gli obiettivi di neutralità climatica ed emissioni zero, per rientrare nei nuovi parametri di qualità dell’aria indicati dall’Europa e migliorare la qualità dell’ambiente e della vita”.
A Roma – segnala Legambiente – la media giornaliera nel 2023 di presenza di PM10 è stata di 24 µg/mc (microgrammi per metro cubo di aria), e per raggiungere i nuovi obiettivi europei c’è bisogno di una forte riduzione del 17%; la media di PM2,5 è stata di 13 µg/mc e la riduzione necessaria è del 21%; la media per l’NO2 (biossido di azoto) è di 32 µg/mc e la riduzione necessaria è ben del 37%.
“Oggi abbiamo voluto sostenere con tutto il nostro impegno, quanti si battono per la riduzione dell’inquinamento nelle nostre città e in particolare a Roma – commenta Alessia Zecchini, campionessa e primatista mondiale di apnea -. Preservare la qualità dell’aria, invisibile e preziosa, deve essere un obiettivo prioritario per la cittadinanza e le amministrazioni, e con questa apnea vogliamo accrescere la sensibilità, verso le scelte più giuste a tutela della nostra salute e dell’ambiente, da uno dei luoghi più straordinari del Mondo”.
L’evento sotto il Colosseo si svolto con il patrocinio del Comune di Roma, assessorato Agricoltura, Ambiente e Ciclo dei Rifiuti e Assessorato alla Mobilità. “Sotto il profilo della qualità dell’aria a Roma c’è ancora molto da fare, e il nostro obiettivo resta quello di restituire ai romani una qualità dell’aria migliore di quella che respirano oggi. – commenta Sabrina Alfonsi assessora all’Ambiente di Roma Capitale -. Attraverso gli strumenti di programmazione di cui ci siamo dotati, come il Piano Clima e il Piano Urbano per la Mobilità Sostenibile, stiamo mettendo in campo un lavoro che guarda alle comunità energetiche, alla forestazione urbana, alla rigenerazione dello spazio pubblico in funzione di una migliore qualità ambientale. Un lavoro di programmazione importante che ci restituisce una visione della Roma del prossimo futuro come città più sostenibile e a misura di cittadino. Oggi la sfida a livello politico è questa. Le città non ce la possono fare se vengono lasciate sole di fronte alle sfide del cambiamento”.
La Capitale, oltre a dover ridurre drasticamente i principali inquinanti atmosferici in tempo per l’entrata in vigore della nuova Direttiva sulla Qualità dell’Aria (AAQD), si è impegnata nella Missione per la Neutralità Climatica e Smart City. Due traguardi da raggiungere tassativamente entro il 2030. Dunque, solo sei anni per varare le necessarie politiche antinquinamento e portare avanti con convinzione quelle già pianificate, senza alcuna incertezza.
Per questo, accanto ad una buona dose di risolutezza, secondo Legambiente l’Amministrazione dovrà mettere in campo una massiccia e capillare campagna di informazione rivolta ai cittadini, non soltanto per generare la necessaria consapevolezza sui problemi legati all’inquinamento e sugli impegni all’orizzonte, ma anche per rassicurare i romani e le romane sulla trasformazione in atto e le prospettive di miglioramento, dando così a tutti la possibilità di organizzare le proprie abitudini di mobilità in base alle nuove regole.
La performance dell’apneista che, come atto di protesta trattiene il respiro, è anche un invito a sottoscrivere la petizione di Legambiente “Ci siamo rotti i polmoni. No allo smog!” con cui si chiede alle istituzioni di attuare una serie di interventi che migliorino efficacemente la qualità dell’aria.

Check out our other content

Check out other tags:

Most Popular Articles