sabato, 29 Giugno , 24

Nuovo ritratto di re Carlo in alta uniforme – Foto

(Adnkronos) - Un nuovo ritratto di...

MotoGp Olanda, pole di Bagnaia con record della pista

(Adnkronos) - Francesco Bagnaia in pole...

Giulia Cecchettin, le chat con Filippo: “Sei psicopatico, mi fai paura”

(Adnkronos) - "Solo perché controlli quanto...

Tari, dal 2018 è salita del 9,69%

AutoprodottiTari, dal 2018 è salita del 9,69%

L’aumento che ha avuto un impatto maggiore sulle famiglie meno abbienti

Tra il 2018 ed il 2023, l’incremento medio della Tari è stato del 9,69%. Un aumento che ha avuto un impatto maggiore sulle famiglie meno abbienti, accentuando così le disuguaglianze socio-economiche e geografiche.

E’ quanto emerge da un nuovo studio dall’Unione Italiana del Lavoro.

“Dall’analisi appare evidente come l’aumento della Tari sia stato più marcato nel Mezzogiorno rispetto al Nord Est. Nel 2022 – spiega Gianluca Buselli, consigliere d’amministrazione della Cassa di previdenza dei ragionieri e degli esperti contabili – l’incidenza della Tari sul bilancio familiare era dello 0,64% nelle regioni del Nord Est e dell’1,34% nel Mezzogiorno”.

Secondo Eurostat, nel 2022, i rifiuti urbani in Europa sono diminuiti del 4% rispetto al 2021, ma con un aumento pro capite del 10%.

“Lo studio UIL – conclude Buselli – evidenzia la necessità di una revisione del sistema Tari per garantire maggiore equità e giustizia sociale, riducendo le diseguaglianze tra le diverse aree geografiche e migliorando l’efficienza dei servizi di raccolta e smaltimento dei rifiuti”.

L’articolo Tari, dal 2018 è salita del 9,69% proviene da Notizie dì.

Check out our other content

Check out other tags:

Most Popular Articles